Seminari

I Livello

Il seminario di I livello dura normalmente due giorni e consiste nell’ Attivazione al I Livello e nei trattamenti di I Livello che hanno lo scopo di sciogliere i blocchi energetici eventualmente formatisi nel corpo.

L’Attivazione al I Livello è suddivisa a sua volta in quattro cerimonie (che vengono effettuate due il primo giorno e due il secondo giorno).

Sono queste cerimonie che hanno lo scopo di aprire progressivamente il canale energetico dell’individuo e metterlo in condizioni di ricevere Reiki dalla fonte originaria (Luce, Universo, Spirito, Dio) e trasmetterlo attraverso le mani.

Ogni cerimonia dura alcuni minuti ed è Sacra e Segreta in quanto il suo procedimento viene trasmesso oralmente ed esclusivamente da Maestro a Maestro.

L’Attivazione

Per ricevere l’Attivazione al I Livello è sufficiente sedersi per alcuni minuti con gli occhi chiusi, le mani giunte e i piedi bene appoggiati a terra in presenza del Maestro di Reiki che abbiamo scelto.

Gli elementi simbolici di questa cerimonia sono certamente presenti, come in ogni atto rituale, ma non ne esauriscono il significato e l’azione.

Chiudere gli occhi significa affidarsi alla vita, lasciar andare il controllo, rinunciare a valutare ogni avvenimento sotto il punto di vista puramente razionale; congiungere le mani all’altezza del cuore ci ricorda l’atto, a volte dimenticato, della preghiera e ci invita a riconoscere che l’unità è dentro di noi e si chiama Amore; le piante dei piedi ben aderenti al suolo ci ricordano che è sempre bene tenere i piedi per terra, essere presenti anche nel piano materiale e fisico.

Ma esiste soprattutto una componente energetica, indotta dal procedimento, dai simboli e dalle formule utilizzate dal Maestro che attiva nello studente il processo della canalizzazione e trasmissione di Reiki.

E’ l’azione del Maestro, o meglio della Conoscenza Millenaria che si esprime attraverso il Maestro, ad attivare l’energia della Guarigione.

E’ Reiki stesso che si manifesta attraverso l’incontro della volontà e del consenso tra il Maestro e lo Studente.

Secondo la tradizione attraverso la cerimonia di Attivazione il Maestro di Reiki apre i canali energetici dell’iniziando e nello stesso tempo prende su di sè il suo Karma negativo o parte di esso, permettendo così allo studente un salto evolutivo.

Si ritiene che questa accelerazione del processo Karmico sia in molti casi alla base del processo di guarigione.

Anche per questo è importante la preparazione del Maestro di Reiki che viene scelto e la sicurezza che abbia compiuto un vero lavoro di crescita per poter operare nel modo migliore questa delicata trasmissione di energia che comporta anche la capacità di smaltire adeguatamente il Karma negativo accumulatosi durante le cerimonie di attivazione.

In mancanza di una adeguata preparazione del Maestro la trasmissione e la purificazione del Karma sarà minima o del tutto inesistente, inficiando la qualità dell’attivazione e dell’energia di Reiki nello studente.

Per diventare Maestri di Reiki sono necessari anni di pratica e di esperienza e soprattutto un giornaliero lavoro di verifica e autoanalisi per ripulire a fondo il proprio canale energetico e poters dedicare efficacemente al Servizio.

II Livello

Una volta integrati e compresi gli insegnamenti e la pratica del I Livello, chi desidera innalzare ulteriormente il proprio livello di coscienza e di energia può accedere al II Livello.

La cerimonia di Attivazione è una sola, e serve ad attivare i simboli del II livello, cioè dei potenti catalizzatori di energia che vengono impressi, per così dire, nella coscienza e utilizzati per i vari trattamenti di II livello.

Nel corso del II livello lo studente impara a conoscere i simboli, si esercita nella loro corretta esecuzione, apprende a pronunciarne con precisione il nome, apprende le sequenze corrispondenti ai vari trattamenti e in quali circostanze e con quali modalità applicarli.

Lo studente iniziato al II livello sarà in grado di richiamare tutta l’energia corrispondente al simbolo semplicemente pronunciandolo, tracciandolo o visualizzandolo.

I Trattamenti di II Livello

Utilizzano i simboli e particolari procedimenti atti a rendere disponibile l’energia.

Trattamento mentale

Serve a portare energia nella parte più profonda del nostro essere, direttamente all’essenza. Si utilizza il secondo simbolo, che è in grado di oltrepassare ogni blocco per contattare direttamente la coscienza.

Dura una ventina di minuti e il procedimento è il seguente: traccio il primo simbolo per stabilire il contatto con l’energia, quindi sulla testa del partner traccio il secondo e il primo simbolo e pronuncio mentalmente il nome del partner.

Appoggio la mano che ha tracciato i simboli sul capo e l’altra sulla nuca.

Visualizzo ora nella stessa posizione in cui li ho tracciati il secondo e il primo simbolo e pronuncio ancora mentalmente il nome del partner.

Ora l’energia di Reiki scorre attraverso la mia mano per raggiungere l’essenza del mio partner.

Quando ho terminato il trattamento, di solito dopo una ventina di minuti, posso delicatamente staccare le mani dalla testa del partner e tracciare il primo simbolo, per staccare il contatto.

L’energia di guarigione non riguarda più soltanto il corpo fisico, ma direttamente il principio che lo informa, la psiche o anima.

Durante il trattamento mentale sopraggiunge un senso di sprofondamento in se stessi, da cui si riemerge totalmente ristorati come da un lunghissimo e benefico sonno.

Nei momenti di passaggio e cambiamento questo trattamento sostiene il processo di adattamento alla nuova realtà agevolandone l’integrazione.

I LIVELLO REIKI

20 ore di didattica teorico-pratica. Quattro Cerimonie di Attivazione.
La partecipazione è compresa nella quota associativa.

Note. Contrariamente a quanto alcuni pensano, il I Livello di Reiki non si esaurisce nell’arco di poche ore o di un fine settimana, ma richiede pratica ed esercizio assiduo e costante.
Pensare che per fare Reiki bastino pochi giorni o poche ore è un tipico retaggio della mentalità occidentale. Bastano pochi minuti per scavare una buca e metterci dentro un seme, ma quanto tempo e quanto cura sono necessari perchè cresca una pianta sana e forte?

L’Associazione Culturale Centro Reiki Roma, con il solo pagamento della quota associativa annua, consente la libera frequenza di tutti i seminari di I Livello per l’approfondimento dell’insegnamento e della pratica del I Livello Reiki.

Il I Livello è la base e il fondamento di tutto l’insegnamento. Se le fondamenta non sono solide, tutto l’edificio è instabile.

II LIVELLO REIKI

20 ore di didattica teorico-pratica ripartite in unfine settimana. La quota di partecipazione al II Livello è di 350 euro e da diritto a frequentare il corso base teorico-pratico di II Livello Reiki, e a frequentare liberamente tutti i seminari di II Livello che si terranno nel corso dell’anno.

E’ consigliata la frequenza di almeno tre seminari di II Livello all’anno.

Note: Il II Livello Reiki è un percorso impegnativo che richiede tempo e pratica ed è per questo articolato in tre fine settimana, possibilmente successivi. Nel corso del primo fine settimana vengono consegnati i Tre Simboli, vengono effettuate esercitazioni sulle applicazioni pratiche dei simboli, viene effettuata la Cerimonia di Attivazione, viene insegnata la tecnica dei Trattamenti di II Livello, nel corso dei successivi due fine settimana viene esplorato e verificato il processo di evoluzione personale del II Livello, viene ulteriormente approfondita la conoscenza dei simboli e la pratica dei trattamenti.

SEMINARIO INTENSIVO RESIDENZIALE E DI PREPARAZIONE AL MASTER

90 ore di didattica teorico-pratica. La quota di partecipazione è diEuro, comprensive di vitto, alloggio, materiale didattico ed escursioni per sette giorni.

III LIVELLO

20 ore di didattica teorico-pratica, comprensive della Cerimonia di Attivazione al III Livello e la Consegna del IV Simbolo. La quota di partecipazione è costituita da un contributo volontario.

MASTER

Rivelazione delle Procedure di Attivazione al I, II e III Livello e Tirocinio Obbligatorio di un anno presso il centro reiki Roma e/o i Centri Reiki Collegati. 300 ore di didattica teorico-pratica in 15 fine settimana. La quota di partecipazione è costituita da un contributo

CONDIZIONI SPECIALI DI PAGAMENTO PER PERSONE INDIGENTI O IN DIFFICOLTA’ ECONOMICHE

Che cosa è in realtà il denaro? Esso è un mezzo convenzionale creato dagli uomini per facilitare lo scambio dei beni, dunque il denaro è un semplice strumento, un simbolo dei beni materiali. E’ nell’animo dell’uomo che stanno verità ed errore, bene e male, merito e colpa. Perciò il primo atto spirituale che dobbiamo compiere è quello di liberarci dalla sopravvalutazione del mezzo, dello strumento di possesso di scambio dei beni terreni: il denaro. Rifiutiamoci risolutamente di offrire più oltre sacrifici sull’altare di questo falso nume, liberiamoci dal fascino esercitato da questo idolo, e riduciamolo con chiara visione, con calma freddezza, a ciò che è in realtà: un semplice strumento, un artificio comodo, un’ utile convenzione.

Roberto Assagioli